Antonio Marchi

Antonio Marchi

 

Nato nel 1923 a Parma e morto nel 2003.
Intervista realizzata da Primo Giroldini nell’autunno 1998 nello studio di Marchi a Parma

Operatore: Pietro Ronchini

Regista cinematografico, organizzatore culturale e industriale. Grande appassionato di arte, letteratura e cinema realizza poco più che ventenne primi film in 16 mm., tra i quali “La Liberazione di Montechiarugolo”. Nel 1946 fonda e dirige la rivista “La critica cinematografica” e negli stessi anni inizia la collaborazione con la casa di produzione cinematografica parmigiana La Cittadella Film, per la quale realizza una decina di documentari brevi tra i quali: “Nasce il Romanico”, “In Puglia muore la storia”, “Canzoni tra due guerre”. Nel 1953 organizza a Parma con Attilio Bertolucci, Pietro Bianchi, Cesare Zavattini e Pietro Barilla il celebre convegno sul Neorealismo cinematografico. Nel 1954 scrive e dirige il lungometraggio “Donne e soldati” in collaborazione con Luigi Malerba. L’esito commerciale disastroso del film induce Marchi a ritirarsi dall’attività cinematografica. Negli anni successivi diverrà un noto industriale nel settore alimentare. Presidente degli industriali di Parma dal 1970 al 1975.

Questo sito fa uso di cookie necessari per il funzionamento e per le finalità descritte nella cookie policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi